I capi stellati del 56

1, 2 o 3 stelle, la celebre guida Michelin appunta riconoscimenti sulle giacche degli chef dei ristoranti della Francia e di Navarre da oltre un secolo. Tra arredi sontuosi e raffinati, lasciati trasportare da menù ricchi di creatività, all’interno dei quali si succedono prodotti autentici e sapori originali, per la gioia della tue papille. Gli chef stellati ti apriranno le porte del loro immaginario e ti inviteranno alla loro tavola.

Il Morbihan conta oggi otto chef stellati, che fanno della loro cucina un’arte culinaria vera e propria. Orecchie di mare selvatiche, rombo delle nostre coste o filetti di anatra… Prodotti del territorio e tesori del mare, lavorati con amore e raffinatezza, valorizzati alla moda bretone e poi impiattati come sculture da ammirare… prima di essere assaporati.

SEGUITE LA GUIDA ROSSA…

Trovare la miglior combinazione tra prodotti, tocchi aromatici e cottura

Olivier Beurné

Una cucina delicata, frutto di una sottile alleanza tra i prodotti dell’Oceano e del territorio bretone. Una ricerca costante, condotta nel solco della tutela dei sapori autentici. Dal 2009, Olivier Beurné dirige una giovane brigata di cuochi appassionati. Un incessante lavoro di ricerca sulle consistenze, ed un’inclinazione naturale per i prodotti più genunini, una tecnicità indiscutibile, un amore per i tocchi aromatici di un tempo… Tante qualità che caratterizzano questo giovane Chef e la sua squadra, per la gioia dei buongustai di passaggio.


Il suo ristorante
Il castello di Locguénolé,
a Kervignac

Locguénolé è situato sulle sponde del Blavet, tra Hennebont e Port-Louis (a 10 km da Lorient). Ai piedi del castello del 19esimo secolo e del maniero del 18esimo, un prato verdeggiante scende dolcemente in pendenza verso il braccio di mare, offrendo una fantastica prospettiva. Panorama in perpetuo cambiamento, al ritmo delle maree. Tramonti indimenticabili…


Saperne di più

Un buon pasto significa, prima di tutto, trascorrere un momento piacevole e percepire l’autenticità della cucina

 
Philippe Le Lay

Nell’intimità di una dimora del Lorient sono stati sistemati otto tavoli discreti…
Vecchio allievo di Alain Ducasse, Gérard Boyer e Jacques Thorel - insigniti di una stella dalla guida Michelin - Philippe propone una cucina creativa dove ogni piatto è immaginato come una storia da condividere. Con il passare delle stagioni e delle maree, anche i prodotti tradizionali della Bretagna si susseguono nei piatti… Astice dell'isola di Groix, asparagi di Plouhinec e ostriche del Belon...

Il suo ristorante
Henri e Joseph, a Lorient
L’Henri e Joseph è situato nel pieno centro di Lorient, in una casa degli anni ‘30 trasformata in ristorante. Alla sua maniera, Philippe Le Lay ha imposto uno stile inedito: nessun cameriere, una piccola sala, una cucina aperta. Per lo chef si tratta di una scommessa rischiosa. Propone un menù unico e presenta personalmente i piatti ai clienti. I cuochi prendono posto, preparano i piatti sotto gli occhi dei buongustai e li servono ai tavoli loro stessi.


Sapere ne più

Il piacere di cucinare prodotti freschi e di stagione

Olivier Samson
Dopo un percorso pluri-stellato, Olivier Samson non fa solamente una cucina aggiornata, ma dà vita soprattutto a una cucina personale, come se usasse una tavolozza gioiosa e colorata, dai toni vivi; ama soprattutto il sapore acido, un po’ l’amaro, molto il mare… Coniugando con temerarietà e rigore eccellenti prodotti che sprigionano i profumi del mare aperto, privilegiando i pesci e i frutti di mare delle coste bretoni, lo chef offre una cucina personale, semplice e senza artifizi. Ed è sufficiente. Non serve altro.

Il suo ristorante
La Gourmandière, a Vannes
La Gourmandière, è situato in una tipica casa immersa nel verde alla periferia di Vannes, si trova a due passi dalla stazione e a 5 minuti di auto dal centro. Da un lato, il Bistr’Aurélia, aperto solo a pranzo e in settimana, propone una cucina ispirata ai sapori di stagione, dall’altro lato, la Table D’Olivier, 1 stella Michelin dal 2012 e 3 cappelli Gault Millau, un ristorantino che propone una cucina di stagione attraverso due menù rinnovati con regolarità.


Sapere ne più

GLI OTTO CHEF STELLATI DEL MORBIHAN