Entrata del Golfo del Morbihan ©  A. Lamoureux

Il Morbihan, un litorale di eccezione

In Morbihan tutto vi parlo del mare! Anche il suo nome Questo litorale selvaggio e dentellato trabocca di siti notevoli: cricche tranquille per il bagno e gli adepti del farniente, piccoli porti riparati per degustare un piatto di frutti di mare, piani di acqua idealmente tirata per la navigazione senza dimenticare le isole vento, queste piccole estremità di terra della larghezza In Morbihan avrete solamente una voglia: aprire la vostra finestra sull'oceano !

Le grandi vasche di navigazione del Morbihan

Su 900 km di lunghezza, il litorale morbihannais è un campo da gioco privilegiato per gli appassionati di mare intorno a 3 vasche di navigazione.

La Rada di Lorient, il Golfo della Morbihan-baia di Quiberon e la baia di Cattiva costituisce degli spazi eccezionali diventati dei riferimenti col passare degli anni, facendo del Morbihan un polo di navigazione e di pratiche nautiche rinomate in tutta l'Europa.

Ogni vasca ha il suo fascino e benefici delle multipli carte vincente.

Se la Trinidad-su-mare e Lorient sono considerati come egli " must" dei porti per la corsa alla vela, il dipartimento tutto intero è diventato poco a poco la cornice delle grandi corse di velo e di manifestazioni nautiche di rinomanza: SPI Ovest-Francia, Settimana del Golfo, Volvo Oceano Razza... Per comprendere e dividere il piacere della navigazione a velo, non mancate la Città del Vela Éric Tabarly: una visita unica in Francia.

I dilettanti di caiac, carro a velo o assorta, troveranno in quanto ad essi tutti i club e le attrezzature necessarie all'iniziazione o alla pratica della loro attività sui grandi spot. Ma perché restare classico e non molto tentare una nuova avventura " tendenza" in paddle o la lombata costa!

  • Voiliers © E. Cattin

    Voiliers

  • Vilaine Port Foleux © Auteurs de vues

    Vilaine, Port foleux

Le isole del Ponant

Non potrete ripartire senza una piccola scappatella nelle isole. Nel golfo, all'isola ai Monaci e l'isola di Arz situati ad alcuni encablures del continente, siete già altrove solcando le viuzze bordate di casette di pescatori. Il mare culla la vita delle isole al ritmo delle navi di crociere e da diporto che hanno sostituito i pescherecci col passare del tempo. Se no, prendete la larghezza per una vera crociera per un giorno o più a Bella-isola, Hoëdic, Houat o Groix. Il mare ha segnato gli uomini ed i viesë delle storie a scoprire in ogni umiltà ! Qui la natura è restata padrona dei luoghi, prati rasi delle scogliere, lande a brughiere, valloni ombreggiati, l'uomo gli prende in prestito per momento questi frammenti da paesaggi ¯ per il suo più grande piacere. Attenzione: fragile !

  • Faro Birvideaux © M. Schaffner

    Faro del Teignouse

  • Isola di Houat © M. Schaffner

    Isola di Houat

  • Isola di Hoedic © X. Dubois

    Isola di Hoedic

In Morbihan, la pesca costiera ed il conchyliculture animano le rive e perpetuano la tradizione malgrado le evoluzioni. La pesca al tonno e la pesca alla sardina ha lasciato le loro impronte, qui e là, al Museo delle Barche per pescare il tonno di Etel o nei conservifici di Quiberon che fa vivere e rivivere tutto un lembo della storia marittima del Morbihan. Ma questo è può essere a piedi che riporterete i vostri ricordi più belli, bighellonando sul sentiero dei doganieri, scoprendo qui e là un piccolo manico nascosto o delle dune a perdita di occhio. Fate una pausa... arresto su immagine! Qui il tempo ad un altro gusto e siate ne sul vostro soggiorno si farà "al ritmo delle maree."

Porto Navalo © M. Schaffner